Archivio Ricordi

Archivio Ricordi

Ieri e oggi mi sono concessa un lusso: nelle Giornate FAI di Primavera sono tornata ai Laboratori Ansaldo e sono entrata all’archivio storico di Ricordi a Brera.

Ieri all’Ansaldo, dove mia figlia prova col Coro di voci bianche del Teatro Alla Scala e dove ho passato fra i momenti più belli della mia vita. Antonio, la guida, bravissimo, preparato, generoso ed appassionato: mi ha ridato i brividi che solo preparando un’opera si ha l’onore di provare….le scenografie dipinte, la falegnameria e il suo meraviglioso profumo, i bozzetti, i padiglioni immensi pieni di arte e di artigianato! I falegnami ci hanno fatto dono di una frase accogliente e benaugurale, scritta a caratteri cubitali in maniera che dalla passerella potessimo leggerla e commuoverci!! Peccato solo che non fossero consentite foto: la preparazione delle scenografie di CO2, l’opera contemporanea in programma a maggio in Scala, non lo consentiva, giustamente. Ma io sono una romanticona e ho fotografato una girella di testa della rocchettiera dell’antico teatro del Piermarini!

Oggi con Margherita all’Archivio Storico Ricordi a Brera: luogo normalmente inaccessibile, se non con prenotazione e presentando validi motivi per la consultazione delle opere custodite. Luogo magico, il cui caveau contiene 8000 partiture, 16000 lettere di musicisti, libretti, foto d’epoca, i manoscritti originali di quasi tutte le opere di Verdi e Puccini, così come di Nono, Bussotti, Sciarrino, Donatoni…… Un evento più unico che raro quindi poter entrare con una guida FAI e ammirare alcune di queste meraviglie: foto, libretti, bozzetti, lettere, la pagina della partitura manoscritta di Bohème, con le annotazioni di Puccini e quel suo tipico tocco sadico… il teschio disegnato di suo pugno nella pagina della morte di Mimì…devo dire che spesso nella mia vita ho dovuto impattare con la concretezza di Puccini, dopo essermene fatta un’idea diametralmente opposta ascoltando, studiando, suonando e dirigendo le sue opere!IMG_9952IMG_9983